Crea sito

Caserta. Lavoratori trasporti pubblici CLP nel caos

buscasertaI lavoratori ex Acms Caserta, ritengono doveroso comunicare a tutti, che dal Giugno 2012 che gli ordini di servizio risultano a loro avviso essere “pretestuosi e strumentali” ad un atteggiamento assai ambiguo. I Lavoratori avvertono sintomi di un disimpegno progressivo degli Enti preposti come
Regione, Provincia, Comuni, Assessorati, Prefetti e enti associati, gli stessi chiedono l’intervento degli organi in indirizzo affinché ci sia un tavolo di confronto per la verifica e risoluzione dei problemi in seguito esposti.
In particolare i lavoratori reclamano gli stipendi non essendo ancora a conoscenza quando la Clp voglia mettere mano alla risoluzione dei punti contrattuali:

1. Il continuo rimando o diniego ad “hoc” alla risoluzione punti con le OO.SS.
2. Continui ritardi nei pagamenti degli emolumenti mensili di circa 25 giorni

a) emolumenti di Maggio in pagamento il 3 Luglio 2015
b) emolumenti di Giugno in pagamento il 27 Luglio 2015
c) 14^ mensilità in 3 periodi ( 18 Luglio – 7 Agosto – 15 Settembre)
d) emolumenti di Luglio in pagamento il 27 Agosto
p.s. Anche i commissari partono con i Saldi Estivi “Lavori 2 mesi pago 1”
3. Ritardi erogazione spettante dei buoni pasto circa 2 mesi
4. Continue variazioni di ciclicità settimanale
5. Continue variazioni di orari e linee da effettuare e percorrere
6. Creazione e variazione di corse non rispettando il codice della strada e sicurezza (errato calcolo degli orari, delle percorrenze, dei tempi di sosta, dell’impossibilità di manovra con vetture di varia tipologia, di carenza materiale rotabile idoneo al trasporto dei passeggeri)
7. Fasi lavorative di noi lavoratori mobilità e impianti fissi, al limite del rispetto del codice D.lgs. 81/08 (ex legge 626), tutto questo aggrava la sicurezza del trasporto pubblico
8. Richieste continue di risarcimento danni a carico dei lavoratori “Conducenti” sui danni arrecati ai beni aziendali, “rattoppati e mai riparati, ma regolarmente detratti dai cedolini paga”
il quadro che ne consegue è assolutamente negativo e preoccupante per quanto riguarda le prospettive produttive dell’ex Acms oggi Clp “Commissariata”