Crea sito

Salerno. Alla Pinacoteca provinciale un’antologica di Alfonso Grassi

(ilMezzogiorno) Salerno. Una mostra antologica di Alfonso Grassi da sabato 3 giugno sarà ospitata nelle sale della Pinacoteca Provinciale di Salerno (via de’ Mercanti, 63). Alcune delle opere del Maestro ricordato dalla critica come l’ultimo pittore che dipingeva “a lume di candela” – una tecnica difficile perché in quella condizione di luce i colori appaiono diversi – torneranno in esposizione permettendo così ai visitatori di ricostruire il percorso storico ed artistico. Scomparso nel 2002, Alfonso Grassi dopo aver studiato all’Accademia di Belle Arti di Napoli sotto la guida di Carlo Sivieri, Emilio Notte e Vincenzo Caprile, fu chiamato alle armi e partì per il fronte francese; in seguito fu inviato in Albania ed in Grecia, dove fu ferito ad un braccio. Amico di Pietro Annigoni e di Gregorio Sciltian, fu ritrattista di San Paolo Giovanni II, dello stesso De Chirico, Sandro Pertini, Giulio Andreotti, del principe di Torlonia, di cardinali e di vescovi. Una sua opera è custodita alla Galleria degli Uffizi di Firenze. La famiglia, in occasione del vernissage di sabato pomeriggio, donerà alla Pinacoteca provinciale l’opera “Il Testamento”, un olio su tela 75X70. A tagliare il nastro inaugurale sarà il presidente della Provincia di Salerno, Giuseppe Canfora. Seguirà la proiezione di un video che illustra la vita ed i ricordi del Maestro Alfonso Grassi. Gli interventi musicali saranno a cura del quartetto “Musikè Wedding” composto da Paola Genovese (flauto), Desirée Genovese (violino), Giulio Pipelnino (violino) e Francesco Mosca (contrabbasso). Il coordinamento musicale sarà del M° Rosario Macchiarulo.