Crea sito

Politiche. Una mail contro la compravendita dei voti.

Borrelli. Non se ne è parlato durante la campagna elettorale ma la camorra è pronta a scendere in campo. Appello ai cittadini: “segnalate tutto
“Il rischio del condizionamento del voto da parte della camorra e di chi influenzale elezioni comprando i voti con soldi o promesse di posti di lavoro non ha avuto la necessaria attenzione nel corso di questa campagna elettorale ormai al termine, ma è necessario non abbassare la guardia perché, come denunciato dal procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, e dalla presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, il pericolo di inquinamento del voto è più concreto che mai”.
A lanciare l’allarme il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, ricordando che “è attivo l’indirizzo mail [email protected] a cui chiunque può segnalare anomalie, irregolarità o vere e proprie compravendite di voti”.
“Inoltre, chiediamo Prefetto e ai vertici delle forze dell’ordine di mettere in campo tutte le risorse disponibili per tutelare il diritto di voto libero dei cittadini e di prestare particolare attenzione all’esterno dei seggi elettorali in particolare quelli in aree particolarmente sensibili” ha aggiunto Borrelli per il quale “anche recenti inchieste hanno fatto emergere che l’abitudine a comprare i voti non è venuta meno, anzi è sempre forte”.