Crea sito

Ma dove stiamo andando con gli stupri ?

(Felice Francesco Previte) Reiterati episodi di stupro, violenze di diverso genere, ancor più gravi se compiuti su donne psichicamente instabili come pare sia quello avvenuto in una località dell’Italia a danno di una giovane, lascia sempre più sgomenti, disgustati, perplessi ! In una società violenta come tende divenire la nostra Italia, nella quale ci sentiamo stranieri in Patria, il rispetto della dignità dell’uomo, soprattutto debole ed indifeso rischia di eclissarsi sempre più , mentre tutti siamo chiamati a tener viva la coscienza della grandezza e del valore di ogni vita umana annientata da menti nella più fitta nebbia, offuscate, malate ! Perché si sviluppi la giustizia, la solidarietà, l’amore verso il prossimo per una migliore assistenza ai deboli, ai poveri ed agli “ultimi fra gli ultimi” come sono i malati mentali, “ i desaparecido della nostra civiltà “, urge l’intervento prioritario delle Istituzioni . Ma il “Governo del Cambiamento”, il lento Parlamento, le Istituzioni amorfe cosa fanno, forse chiacchere ?

In questa ottica rinnoviamo quanto richiesto nelle nostre Petizioni per una legge-quadro che garantisca il riordino dell’Assistenza Psichiatrica e tuteli i diritti di tutti i membri della comunità civile, Provvedimento Legislativo condensato nel Testo Unificato condiviso dalla politica improvvisamente sparito dall’agenda parlamentare della 12° Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati dall’aprile 2005..Senza entrare nella dinamica del fatto specifico, siamo costretti a constatare e denunciare quella realtà nella quale la malattia mentale ed i suoi problemi “marciscono” nel silenzio e nel disinteresse.E ci chiediamo, ma cos’altro dovrà succedere affinché si volti pagina e si passi da questa totale indifferenza ad una dinamica di apertura e di impegno affinché il “problema” venga finalmente se non del tutto risolto, come sarebbe auspicabile, ma per lo meno rimosso ?
E con le sagge parole del Santo Giovanni Paolo II° :” Andiamo avanti con speranza !”