Crea sito

Osservatorio morti sul lavoro: Sono 69 i morti sui LUOGHI DI LAVORO in giugno

(Caserta24ore news) BOLOGNA 25 di questi schiacciati dal trattore. Ma a questi occorre aggiungerne almeno altrettanti che muoiono sulle strade e in itinere. Chiediamo una Commissione Parlamentare d’inchiesta per far conoscere agli italiani il reale numero di lavoratori morti per infortuni sul lavoro in questi ultimi dieci anni. Stampa e televisioni e media se veramente liberi ci aiutino a far emergere dal silenzio le dimensioni di questo autentico genocidio di lavoratori. Nella nostra raccolta dati ci sono sempre risultati tantissimi lavoratori morti sui LUOGHI DI LAVORO lavoro in più: sono tutti registrati in appositi file per identità, luogo e anno della tragedia, professione, cenni sulle cause infortunio e nazionalità. Tutti gli anni i morti sui luoghi di lavoro lavoro aumentano, mentre ci dicono che calano. L’unico calo registrato è quello dei lavoratori morti sulle strade e in itinere e questo per merito delle normative molto più severe (patente a punti) introdotte nel Codice della Strada. Il grafico in allegato mostra l’andamento delle morti in questi dieci anni di monitoraggio. È solo per i morti sui luoghi di lavoro. Riteniamo che i morti sulle strade e in itinere richiedono interventi diversi e specifici: tanti lavoratori morti in itinere non vengono riconosciuti come infortuni sul lavoro, per una normativa che è molto penalizzante per i lavoratori

Osservatorio Indipendente di Bologna morti per infortuni sui luoghi di lavoro
C’è stato un record storico in negativo in questi primi sei mesi del 2018, mai stati tanti morti sui Luoghi di Lavoro (escluso itinere) da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio. Sono stati ben 69 i morti sui luoghi di lavoro in giugno, di questi 24 hanno perso la vita schiacciati dal trattore che guidavano. Lo stesso giorno del 2008 erano 291. Registriamo un aumento del 20,50%. Erano 339 il 30 giugno del 2017 l’aumento è del 7,4%. Quando parlano di cali ogni anno NON CREDETECI, i morti sui LUOGHI DI LAVORO sono sempre stati in costante aumento da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio,. Il 95% dei morti sui luoghi di lavoro non ha l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, quello che tutela contro i licenziamenti senza giusta causa o giustificato motivo (il jobs act renziano l’ha tolto a tutti i nuovi assunti). I lavoratori licenziati ingiustamente può al più avere qualche soldo in più dopo lunghe cause. Verrano licenziati con scuse, malati, politicizzati, sindacalizzati (sindacati veri), antipatici a capi e capetti, sulle donne ecc.insomma la dignità dei lavoratori si ferma davanti alle soglie dei luoghi di lavoro, insomma ARBEIT MACHT FREI di licenziare anche senza nessuna colpa, mancanza o esigenza dell’azienda. Un lavoratore su cinque che muore sui LUOGHI DI LAVORO, ha più di 60 anni, la legge Fornero, che non ha distinto chi svolge un lavoro d’ufficio, o poco pericoloso da uno pericoloso per sé e per gli altri, come per esempio guidatori di TIR, ha fatto aumentare le morti per infortuni tra gli ultrasessantenni. L’ultima vittima di 62 anni, proprio ieri nel vercellese a pochi giorni dalla pensione: Giancarlo Bragato aveva 62 anni e stata lavorando in una rotonda sulla strada, era in una buca, quando un’automobile l’ha travolto per un incidente stradale. Chiediamo che il nuovo governo e il Ministro del Lavoro Di Maio di istituire una Commissione Parlamentare d’Inchiesta per stabilire quanti sono i morti sul lavoro in Italia: noi monitoriamo tutti quelli che muoiono sui luoghi di lavoro, ed è per noi inaccettabile leggere ogni anno che i morti sul lavoro calano, mentre invece sono sempre in costante aumento se si monitorano tutti. Chiediamo al Ministro delle Politiche Agricole Centinaio di fare, lui stesso, in prima persona, una campagna informativa sulla pericolosità del trattore: da quando è ministro ne sono già morti 25 schiacciati da questo mezzo (praticamente uno al giorno da quando è ministro delle politiche agricole. Oltre 650 nell’ultima legislatura e oltre 1500 da quando il 1° gennaio 2008 abbiamo aperto l’Osservatorio. Di approvare finalmente in Parlamento la legge europea del 2003 che obbligherebbe chi guida questo mezzo PERICOLOSISSIMO a sottoporsi a un esame per poterlo guidare. Le lobby parlamentari sono riuscite a rinviarla per 15 anni, è ora di guardare alla vita di chi lo guida, non alle lobby che bloccano tutto. Qui sotto la situazione per Regioni e singole province
30 giugno 2018 366 i morti sui luoghi di lavoro dall’inizio dell’anno. Aumento di oltre il 22% rispetto allo stesso periodo del 2008. Ben 25 i morti schiacciati dal trattore dalla nascita del nuovo governo e 84 dall’inizio dell’anno
Oltre 650 con i morti sulle strade e in itinere, che a nostro parere è opportuno tenerli separati dai morti sui luoghi di lavoro. Per i morti sulle strade occorrerebbero normativi specifiche e interventi diversi e mirati.
N.B i morti segnalati nelle Regioni sono solo quelli sui LUOGHI DI LAVORO. Ricordo ancora una volta che ce ne sono almeno altrettanti che muoiono sulle strade e in itinere nelle province. Non sono conteggiati nelle province e regioni i morti sulle autostrade
VENETO 41 Venezia (7), Belluno (2), Padova‎ (3), Rovigo (1), Treviso (12), Verona (10), Vicenza (5). LOMBARDIA 37 Milano (9), Bergamo (3), Brescia (4), Como (3), Cremona (2), Lecco (1*), Lodi (1), Mantova (5), Monza Brianza (2), Pavia (2), Sondrio (4), Varese () CAMPANIA 30 Napoli (8), Avellino (3), Benevento (), Caserta (7), Salerno (12). EMILIA ROMAGNA 28 Bologna (4), Rimini (1). Ferrara (6) Forlì Cesena (2) Modena (5) Parma (3) Ravenna (3) Reggio Emilia (1) Piacenza (4) PIEMONTE 28 Torino (14), Alessandria (2), Asti (4), Biella (), Cuneo (4), Novara (1), Verbano-Cusio-Ossola (2) Vercelli (1) TOSCANA 26 Firenze (4), Arezzo (1), Grosseto (2), Livorno (3), Lucca (3), Massa Carrara (4), Pisa‎ (2), Pistoia (2), Siena (5) Prato (). SICILIA 22 Palermo (3), Agrigento (3), Caltanissetta (3), Catania (5), Enna (3), Messina (4), Ragusa (), Siracusa (1), Trapani‎ (). CALABRIA 16 Catanzaro (2), Cosenza (6), Crotone (4), Reggio Calabria (2) Vibo Valentia (2) ABRUZZO 16 L’Aquila (6), Chieti (3), Pescara (1) Teramo (5) LAZIO 12 Roma (4), Viterbo (3) Frosinone (1) Latina (3) Rieti (1). LIGURIA 9 Genova (4), Imperia (), La Spezia (4), Savona (1) ) SARDEGNA 10 Cagliari (2), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (1), Ogliastra (), Olbia-Tempio (3), Oristano (1), Sassari (3). Sulcis inglesiente () PUGLIA 9 Bari (2), BAT (1), Brindisi (1), Foggia (), Lecce (3) Taranto (2) MARCHE 7 Ancona (2), Macerata (1), Fermo (), Pesaro-Urbino (), Ascoli Piceno (4). FRIULI VENEZIA GIULIA 6 Trieste (), Gorizia (1), Pordenone (), Udine (5). BASILICATA 5 Potenza (4) Matera (1) UMBRIA 5 Perugia (1) Terni (4). TRENTINO ALTO ADIGE 5 Trento (4), Bolzano (1) Molise 3 Campobasso (2), Isernia (1) .VALLE D’AOSTA( )