Crea sito

Caserta. TeDi – Fiera della Tecnica e della Didattica Innovativa

(Caserta24ore) CASERTA Tempo di bilanci al TeDi, la fiera della Tecnica e dell’Innovazione Didattica che si è da pochissimi giorni conclusa presso il Centro Commerciale “Iperion” di via Borsellino a Caserta. Quattro giornate di seminari di formazione tenuti all’Istituto “Giordani” su tematiche come robotica educativa ed automazione, pensiero computazionale, cinema, giornalismo a scuola, STEM (lauree scientifiche), lingue straniere e linguaggi crossmediali, realtà aumentata, networking didattici internazionali e tanto altro: a discutere con docenti, ragazzi e semplici appassionati un folto gruppo di esperti di livello anche nazionale che hanno portato le ultime acquisizioni in campo tecnologico e, soprattutto, didattico.  E contemporaneamente il momento della fiera, tenuta presso l’”Iperion” che ha visto impegnate in uno spazio espositivo di circa cinquecento metri quadrati le sei scuole organizzatrici più altre scuole del territorio: una festa nella quale docenti ed alunni hanno messo in mostra le esperienze innovative e le buone pratiche didattiche che quotidianamente vengono attuate nelle aule della nostra provincia, salita alla ribalta nazionale per altre cose, tutt’altro che positive. “Siamo partiti proprio da questa voglia” – afferma la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo “Vanvitelli” di Caserta, Rosaria Prisco, che dell’iniziativa è stata la proponente- “di far vedere che la Scuola casertana non è solo problemi, ma anche passione e qualità. Quando il mio animatore digitale, il prof. Davide Salvatore, mi ha parlato dell’idea, ho voluto subito coinvolgere i miei colleghi. E’ nata così una rete tra il mio Istituto e altre cinque scuole del territorio come la “D. Alighieri”, il “Mattei”, il “Giordani”, il “Buonarroti” ed il “Villaggio dei Ragazzi”. Ogni Istituto ha portato le proprie competenze specifiche, ha messo a disposizione attrezzature e personale e così abbiamo messo le gambe a questa intuizione”.

Da precisare che alla fiera hanno poi partecipato anche altre scuole come il “Manzoni” e il “Ruggiero-Terzo Circolo” di Caserta, il “Principe di Piemonte” di S. Maria C.V., il “Novelli” di Marcianise e la “Settembrini” di Maddaloni. Così come due importanti aziende quali “Comau”, una multinazionale dell’automazione e della robotica, e “Campus Store”, azienda leader nel campo educational, e tre associazioni locali come il Planetario di Caserta, “Perlatecnica” e “3AConsulting”. E ovviamente “Iperion” che ha messo a disposizione gratuitamente i locali.
“Siamo estremamente soddisfatti della riuscita dell’iniziativa – continua la preside Prisco- perché sono i numeri a confortarci: dieci scuole coinvolte, circa cinquecento partecipanti ai seminari, almeno duemila presenze nelle due giornate della fiera. Il tutto con pochissime risorse economiche a disposizione, alle quali abbiamo sopperito con il lavoro personale anche fisico e tanta tanta dedizione”. E conclude: “Un’edizione zero di successo che ci spinge a continuare perché TeDi possa diventare un’occasione periodica di incontro e confronto tra la Scuola casertana e il grande pubblico dei non addetti ai lavori”.